Bank account offshore: cos’è e come funziona

Published on: 04 July 2020
By admin

L’espressione “Bank account offshore” sta per “conto bancario offshore” e si riferisce al conto di una società offshore, ovvero che possiede una sede legale estera, ma la cui attività può anche essere svolta da un altro Paese. Per capire bene di cosa si tratta, lo si può indicare con un esempio pratico, ipotizzando che ci sia un imprenditore italiano che abbia deciso di aprire un’impresa offshore a Panama.

In questo caso, egli potrà anche lavorare direttamente dall’Italia, ma il conto bancario della sua impresa dovrà essere obbligatoriamente a Panama. Non sono queste però le uniche caratteristiche di questo particolare conto bancario.

Richiedi una consulenza oggi stesso !

Bank account offshore: di che cosa si tratta

Il Bank account offshore è obbligatorio per chi possiede una società all’estero, ovvero un’impresa offshore. Molte persone ne creano una oppure ne acquistano una, al fine di risparmiare in termini fiscali e in effetti il vantaggio riguardante la spesa minore riguardo le tasse, è evidente.

Nonostante questo, non si deve ritenere che il conto bancario estero debba servire come deposito utile per versare profitti provenienti da affari illeciti oppure da riciclaggio o anche attività non consentite.

Tutto ciò è ovviamente vietato e non è possibile violare le leggi, né quelle italiane, ma nemmeno quelle estere. A tal fine, il conto bancario deve essere dichiarato anche in Italia, così come allo Stato italiano andrà anche dichiarata la presenza della società offshore istituita, il nome del proprietario, e tutta la documentazione richiesta, andrà presentata rispettando le norme del caso.

Richiedi una consulenza oggi stesso !

Bank account offshore: la sicurezza

Secondo alcuni studi effettuati negli ultimi anni, sembrerebbe proprio che le banche internazionali siano in grado di garantire una maggiore sicurezza ai suoi clienti, perché sottoposte a maggiori controlli. Di contro però, c’è anche chi accusa alcune banche estere di essere responsabili dell’omissioni e dell’occultamento di dati, proprio perché alcune sono conosciute per il fatto di garantire la massima privacy e riservatezza del cliente.

Questo, sebbene possa essere un fattore positivo, potrebbe anche essere visto come un elemento negativo, che potrebbe favorire il traffico di attività illegali.

L’importante è che si dichiari la presenza del proprio conto bancario estero, che si rispettino tutte le norme e che si sia sempre molto chiari con qualsiasi documentazione la legge preveda di dover mostrare al Fisco. In tal modo si eviteranno problemi e sanzioni.

Richiedi una consulenza oggi stesso !

Cosa offre un conto corrente bancario estero

company offshore - cosa sono

Company Offshore

Senza dubbio non sarà possibile gestire la propria società offshore, se non si possiede un conto bancario estero. Se questo è il primo motivo per crearne uno, in realtà ce ne sono anche altri.

Un bank account offshore infatti è anche in grado di offrire un maggiore risparmio, perché spesso le banche internazionali richiedono costi di deposito e di gestione minori rispetto a quelli italiani. Certamente, prima di aprirne uno, ci si dovrà informare in modo accurato per poter trovare il tipo di conto più conveniente e adatto per il tipo di società che si svolge.

Di solito un conto estero non è molto dissimile da uno italiano: tutti i conti bancari offrono anche la possibilità di usare carte di credito, di gestire o controllare i propri prelievi e versamenti online, controllare il proprio saldo o altri movimenti tramite sistemi di Home Banking, quindi online, ma non solo.

Alcune banche estere offrono anche la possibilità di richiedere carte prepagate da poter collegare con il proprio bank account. Da non sottovalutare poi il fatto che le banche internazionali garantiscono maggiore liquidità, anche perché devono averne molta a disposizione, proprio per il fatto di doversi occupare di un maggior numero di transazioni.

Come si è visto, un conto corrente bancario offshore è in grado di offrire elementi diversi, ma spetterà all’ imprenditore, magari anche con l’aiuto di consulenti esperti e professionisti, rispettare tutte le normative vigenti per dichiararne la presenza, la gestione e i profitti.

Richiedi una consulenza oggi stesso !